U10: a Muggiò…infangati e contenti!

Trasferta impegnativa, in tutti i sensi, per la nostra U10, ospite domenica dei Mosquito Rugby presso il centro sportivo di Muggiò.
I nostri cinghialotti si presentano all’appello numerosi e carichi: anche oggi, come nell’ultima uscita di Malpensa, ben due gli esordienti (stavolta tocca a Edo e Mattias detto Toro), nel segno di un gruppo in continua crescita!
Il raggruppamento vede la presenza, oltre che dei padroni di casa e del Monza, che schierano due squadre, del Rugby Opera, del CUS Pavia e ovviamente del Rugby Como.
Ci accoglie una pioggerella non troppo fastidiosa la quale però, sommata alle precipitazioni degli ultimi giorni, ci lascia un campo molto pesante e scivoloso… che ovviamente non spaventa per nulla i giovani atleti, ansiosi di buttarsi nel fango!
Le partite iniziano con un Como concentratissimo, che contro Opera non sbaglia un colpo: la nostra difesa blocca quasi sul nascere ogni azione avversaria, per poi rispondere con azioni velocissime che portano diverse volte la palla ad appoggiarsi oltre la linea di meta.
Poi tocca nell’ordine alle due squadre di Monza: i nostri cinghialotti giocano ancora molto bene, concedendo pochissime occasioni agli avversari e sfruttando alla perfezione la maggior potenza fisica, nonché la grande velocità di alcuni elementi. Un paio le mete subite ma molte di più quelle realizzate.
Più o meno lo stesso il copione nella partita con il Cus Pavia.
Sotto una pioggia praticamente incessante il campo inizia a chiedere pietà, ma i giovani rugbisti non mollano!
Le ultime due partite vedono il Como affrontare le squadre di casa. La doppia sfida è molto attesa dai giocatori più anziani, che negli ultimi anni le hanno sempre sonoramente ‘prese’ dai fortissimi Mosquito…
Ma oggi è diverso e, fin dalle prime battute, i nostri cinghialotti conducono ancora una volta la partita: appena gli avversari toccano palla arriva puntuale e preciso il placcaggio, al quale segue un’azione fulminea che spesso arriva a meta. Molto belle alcune azioni giocate palla alla mano, con passaggi veloci ed un compagno sempre alle spalle del portatore di palla, pronto al sostegno, come pure un paio di mete salvate a pochi metri dalla linea. Entrambe le gare con i padroni di casa si chiudono con diverse mete messe a segno dai nostri cinghialotti, senza subirne nessuna: al fischio finale urla di gioia, grandi sorrisi e “tuffo” generale in una grande pozzanghera di fango…viva il (mini) Rugby!

Appuntamento fra tre settimane a Rozzano e, come al solito, un ringraziamento particolare alla Società ospitante, alla quale le condizioni atmosferiche non hanno certo dato una mano…

Buon Rugby a tutti !

(Marco C.)